La paura delle piazze.

17 Ott

Che sia stata orchestrata, che sia frutto di gruppi isolati, che ci fossero o no agenti infiltrati, che sia stata l’espressione di molte rabbie diverse non lo sapremmo mai con certezza. E se lo sapremo, succederà fra molto tempo quando i fatti di Roma del 15 ottobre come quelli del G8 del Genova saranno dei ricordi più o meno lontani . D’altra parte è un paese questo in cui ancora si attendono parecchie verità su fatti vecchi di trent’anni.

Una cosa però è successa ed è che le persone cominciano a pensare che andare alle manifestazioni stia diventando pericoloso.

Che fosse un effetto calcolato o no, questo è ciò che pensano molte persone ed è una cosa molto grave per una democrazia liberale, poichè mina i suoi fondamenti. Le democrazie  infatti si reggono sul consenso dei cittadini espresso anche tramite il voto, che ne è la sua espressione più diretta,  ma anche sulla possibilità di dimostrare in ogni momento il proprio dissenso, ovviamente nelle forme lecite. Le manifestarzioni di piazza sono da sempre una delle forme del dissenso. Che episodi di violenza di questa portata succedano durante manifetazioni ampie e che hanno come tema l’economia globale non può essere, credo, un caso. Il dubbio però rimane: è l’argomento che incendia gli animi o si vuole distrarre dal contenuto delle rivendicazioni concentrandosi solo sul teppismo tramite il quale si condanna tutto il resto?

Pericoloso mi pare anche la caccia all’uomo che si sta scatenando e non perchè non sia giusto tentare di individuare i colpevoli e i fomentatori degli scontri, ma perché questo potrebbe formire il pretesto per autorizzare una politica del sospetto e delle azioni arbitrarie.

Per scongiurare tutto questo utile sarebbe una nuova manifestazione a breve che dimostri che i cittadini di un paese democratico e liberale non rinunciano a esprimere le proprie opinioni e a apportare il loro contributo in termini di proposte.

Annunci

2 Risposte to “La paura delle piazze.”

  1. Tiziana ottobre 17, 2011 a 9:33 pm #

    C’era un gran contrasto tra l’azione sconsiderata di quella minoranza di incappucciati che su preciso ordine rompevano vetrine, davano fuoco a cassonetti e quella di centinaia di migliaia di persone che manifestavano pacificamente il proprio dissenso alle misure governative economiche e politiche.Su preciso intento hanno macchiato e tolto visibilità ad una manifestazione che malgrado tutto conserva ancora i suoi più alti significati.E’ importantissimo pertanto salvaguardare il diritto costituzionale alla partecipazione democratica a manifestazioni di dissenso perchè la violenza non è solo fisica e sta continuando : Tv, giornali, radio di stato stanno strumentalizzando l’accaduto per minare indirettamente i nostri diritti alla partecipazione sociale.Basti pensare che a Roma il sindaco Alemanno vieterà per un mese i cortei.Questa è dunque la misura per tutelare i cittadini?
    Difendiamo il diritto di manifestare le nostre opinioni pacificamente nelle piazze
    1, 100, 1000 PIAZZE ANCORA!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Suprasaturalanx

Noci, miele, ricotta e molto altro!

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Fuoridallarete

Since 1990

nessun armadio

coming out of the closet, coming into your life!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

menteminima

Vorrei poterne ridere.

iononsonosbagliata

"there's never been a better time than this"

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Biblioteca Lesbica

Per la diffusione della letteratura lesbica in Italia

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

giorgeliot

silly novels by lady novelists

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Giovane Carina e Disoccupata

Blog sulla vita ai tempi della Disoccupazione

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Smile Revolutioner

Living life like it's just one (!!!)

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Triskel182

La libertà è il diritto dell'anima di respirare.

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

fiabeatroci

Fiabe Atroci - Blog contrario all'attualità e favorevole alla realtà

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

giramenti

libri e tiro dinamico

Womenoclock

WoMenoclock! About women, About men, for everybody. Wake up....and fight!

a Vuc's life

2016 - La vita

incroci de-generi

tra classe, razza, genere e specie

Un disinvolto mondo di criminali

Ci volete schiavi, ci avrete ribelli.

lafilosofiAmaschiA

filosofia d'altro genere per la scuola

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

#Centonovantaquattro

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù

i discutibili

perpetual beta

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Born again

Om Gam Ganpataye Namo Namah

Blockmianotes's Blog

quello che leggo, quello che vedo, quello che sento

Un'altra Donna. L'impudenza dello sguardo.

"le immagini sono buone per confondere le idee, non per chiarirle"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: