La strumentalizzazione delle cosiddette favole gay

10 Feb

Camilla Seibezzi (consigliera al Comune di Venezia) è di nuovo nell’occhio del ciclone. La prima volta ci è finita per la proposta di sostituire “padre” e “madre” con il neutro “genitore” nei moduli scolastici che ha sollevato uno scandalo che solo chi è in malafede poteva pensare di sollevare.
Ma certamente mai come questa volta in cui i soliti mistificatori, Guardiani Della Vera e Assoluta Mo-ra-li-tà, si sono immedesimati talmente tanto nelle balle che raccontano da crederci, come delle prefiche urlanti su un cadavere che dimenticano di non conoscere.
E così un certo numero di persone, guarda caso molte con la corona del rosario in tasca e il crocifisso in mano, si è stracciato le vesti e strappato i capelli vedendo in una davvero graziosa raccolta (che verrà distribuita presso le scuole per l’infanzia veneziane col progetto “Leggere senza pregiudizi”)  che contiene cose come quelle che si possono vedere qui e di sicuro non cose come quelle che si vedono qui (ma bisogna pur attirare l’attenzione con immagini fuorvianti), l’annuncio dell’apocalisse e l’avvento del Regno di Satana.
La vera verità è che nel libro sono contenute una varietà emozionante di storie e narrazioni in cui tutt* e dico tutt* si possono identificare. Il ché non è poco.
C’è ad esempio la storia di una bambina down, la storia di una famiglia allargata dove la mamma ha un nuovo compagno, la storia di un bambino con i genitori separati che divide il suo tempo fra un* e l’altr*, la storia di un cagnolino che vuole diventare una ballerina (di una tenerezza assoluta) e anche, perché mai no, la storia di bambini con due mamme o due papà. Che piaccia o no le famiglie omogenitoriali esistono, e non da ieri, perciò qualcuno di questi Cavalieri della Verità Assoluta può per favore spiegare a un bambino qualunque che la sua storia e la sua esperienza non sono, secondo lui, degne di essere rappresentate? Che loro ritengono che la vita che vivono debba essere semplicemente obliterata, nel migliore dei casi, quando non demonizzata?

Annunci

Una Risposta to “La strumentalizzazione delle cosiddette favole gay”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Toccafondi, un nome una garanzia. | Volevo stare zitta - marzo 25, 2014

    […] proseguo dell’intervista, a proposito delle cosidette  favole gay (di cui ho parlato qui) continua con l’unica cosa che ha imparato a dire (che quell* di Forza Italia sono così: […]

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Suprasaturalanx

Noci, miele, ricotta e molto altro!

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Fuoridallarete

Since 1990

nessun armadio

coming out of the closet, coming into your life!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

menteminima

Vorrei poterne ridere.

iononsonosbagliata

"there's never been a better time than this"

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Biblioteca Lesbica

Per la diffusione della letteratura lesbica in Italia

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

giorgeliot

silly novels by lady novelists

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Giovane Carina e Disoccupata

Blog sulla vita ai tempi della Disoccupazione

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Smile Revolutioner

Living life like it's just one (!!!)

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Triskel182

La libertà è il diritto dell'anima di respirare.

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

fiabeatroci

Fiabe Atroci - Blog contrario all'attualità e favorevole alla realtà

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

giramenti

libri e tiro dinamico

Womenoclock

WoMenoclock! About women, About men, for everybody. Wake up....and fight!

a Vuc's life

2016 - La vita

incroci de-generi

tra classe, razza, genere e specie

Un disinvolto mondo di criminali

Ci volete schiavi, ci avrete ribelli.

lafilosofiAmaschiA

filosofia d'altro genere per la scuola

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

#Centonovantaquattro

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù

i discutibili

perpetual beta

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Born again

Om Gam Ganpataye Namo Namah

Blockmianotes's Blog

quello che leggo, quello che vedo, quello che sento

Un'altra Donna. L'impudenza dello sguardo.

"le immagini sono buone per confondere le idee, non per chiarirle"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: