Toccafondi, un nome una garanzia.

25 Mar

Chi è costui?
Gabriele Toccafondi (nomina sunt consequentia rerum) è sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, anche se la prima cosa che gli fa curriculum è essere papà di Niccolò e Caterina (una cosa normale, lo facciamo tutti no? Io ad esempio se devo mandare un curriculum all’Unipol, la prima cosa che scrivo è che porto il 40, però poi dipende dalla marca).

Proseguendo nella lettura apprendiamo che “nel corso dei cinque anni (della XVI legislatura, ndr)  si è impegnato in modo particolare per la libertà di educazione, sia per la scuola statale che per la scuola pubblica non statale, per le imprese e per il Non Profit”.

Meraviglioso!, penso. Eccone uno che sta in un Ministero in cui le battaglie per la libertà sono essenziali.

Ma la frase è insidiosetta, e allora scopro che la libertà di educazione si riferisce alle scuole paritarie, cioè alle scuole private, cioè insomma alle scuole cattoliche (!), dicendo che “sulle scuole paritarie occorre portare avanti, oggi più che mai, una battaglia di realismo, una battaglia culturale contro i pregiudizi. Bisogna rottamare l’ideologia, perché anche il nostro Paese veda una effettiva parità tra gli istituti statali e quelli non statali: entrambi fanno parte di un unico sistema, quello dell’istruzione pubblica”.

Insomma Toccafondi è maestro di mistificazione e si è egregiamente impadronito del linguaggio, dei termini e dei discorsi storicamente svillupati per sostenere l’esatto contrario delle sue tesi. Ed è perciò doppiamente pericoloso, perchè confonde e intorpidisce acque altrimenti limpide.

Nell’intervista che il Nostro ha rilasciato per quella bella rivistina progressita che è Tempi.it a un certo punto dice, parlando di un liceo di Modena che “si pretendeva che Vladimir Luxuria entrasse a parlare al liceo classico Muratori senza nemmeno un contraddittorio”… Un contraddittorio? Cosa significa? Luxuria andava a raccontare la propria esperienza di vita in qualità di transessuale. Toccafondi voleva forse dire che occorrevano dei non-transessuali? Stia tranquillo in giro è pieno di non-transessuali, pure al liceo Muratori ce ne sono a centinaia, ne sono sicura. O forse voleva che fosse presente qualcuno che dicesse che Luxuria è una deviante malata? Per la stessa logica se una scuola invita una persona nera a parlare di razzismo sarebbe opportuno invitare anche un membro attivo del KuKluxKlan, o un qualche nazista se si parla di campi di sterminio.

Nel proseguo dell’intervista, a proposito delle cosidette  favole gay (di cui ho parlato qui) continua con l’unica cosa che ha imparato a dire (che quell* di Forza Italia sono così: sanno dire una cosa sola e la ripetono fino allo sfinimento): “spetterebbe agli enti locali stabilire il materiale da far entrare negli asili. Proprio per tutelare l’alleanza genitori-scuola e rendere effettiva la libertà di educazione, il ministero non può vagliare o imporre tutto quello che entra negli istituti. Anche se poi a tutto c’è un limite, davanti a cui le istituzioni devono intervenire”. L’allenaza per la libertà, l’enduring freedom de noialtri.

Ma il suo capolovaro è stata la nota che ha rilasciato per difendersi dall’accusa di essere un omofobo dove cita l’art. 30 della Costituzione italiana ( “è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli”), a difesa delle sue posizioni, sostenendo in pratica che i genitori devono poter scegliere l’educazione da dare ai figli.

Benissimo Signor Toccafondi io personalmente non ho nulla in contrario a che lei mandi, a sue spese e senza aiuti statali, il Niccolò e la Caterina in una bella scuola privata dove forniranno ai suoi rampolli una visione unica, e per ciò stesso limitata, della realtà, ma lasci stare la scuola pubblica che, in uno Stato laico (nel quale ci sforziamo sempre di illuderci di vivere) dovrebbe essere per sua natura il luogo delle differenze, della convivenza, del confronto e della libertà di pensiero. Il luogo in cui le donne e gli uomini di domani imparino che il mondo va oltre alla loro storia personale e singola, e che ognuna delle storie personali e singole ha e deve avere la sua dignità e il suo diritto d’espressione senza che esistano gerarchie di genere, razza, religione, orientamento sessuale.

 Che non sia il caso di cambiare verso anche a queste cose e mandare Toccafondi a occuparsi di altro? Con un cognome così ce lo vedrei bene ai Rifiuti.

 

Annunci

5 Risposte to “Toccafondi, un nome una garanzia.”

  1. Arturo Togliatti marzo 31, 2014 a 6:12 am #

    A loro non interessa dialogare, sono disonesti intellettualmente e indottrinati a dovere. Voglio impedire o pericoli che sant’agostino ipotizzava portassero le leggi (dell’imperatore,) la forza coercitiva ed emulativa. E cioè la legge stessa. In definitiva sono contrari ad ogni legge che contenga , anche un solo riferimento ai gay. Qualsiasi proposta facciate, loro saranno contrari a priori. Il ragazzo del video doveva punzecchiarli a partire dalla contraddizione di essere contrari alla violenza e non volere sostendre una legge che punisca la violenza. per poi proporgli di sostenere un emendamento che specificasse cosa si intende per omofobia e transfobia. Poi dire che è stato il centrodestra a chiedere la rimozione delle definizioni e poi a presentare una pregiudizisale di costituzionalità perchè tali definizioni erano assenti. Questo si chiama talebanesimo cattofascista o semplicemente malafede

    • Michela Poser marzo 31, 2014 a 8:38 am #

      Personalmente credo che siano in malafede, altrimenti bisogna pensare a una limitazione cognitiva.
      Credo però che sia anche doveroso sbugiardarli ogni volta possibile.

  2. IDA maggio 26, 2014 a 10:56 am #

    Il signor Toccafondi, si è presentato alle europee, il suo slogan era:
    “Guardiamoci in faccia; No alle ideologie. Si al dialogo!”
    🙂

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Suprasaturalanx

Noci, miele, ricotta e molto altro!

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Fuoridallarete

Since 1990

nessun armadio

coming out of the closet, coming into your life!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

menteminima

Vorrei poterne ridere.

iononsonosbagliata

"there's never been a better time than this"

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Biblioteca Lesbica

Per la diffusione della letteratura lesbica in Italia

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

giorgeliot

silly novels by lady novelists

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Giovane Carina e Disoccupata

Blog sulla vita ai tempi della Disoccupazione

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Smile Revolutioner

Living life like it's just one (!!!)

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Triskel182

La libertà è il diritto dell'anima di respirare.

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

fiabeatroci

Fiabe Atroci - Blog contrario all'attualità e favorevole alla realtà

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

giramenti

libri e tiro dinamico

Womenoclock

WoMenoclock! About women, About men, for everybody. Wake up....and fight!

a Vuc's life

2016 - La vita

incroci de-generi

tra classe, razza, genere e specie

Un disinvolto mondo di criminali

Ci volete schiavi, ci avrete ribelli.

lafilosofiAmaschiA

filosofia d'altro genere per la scuola

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

#Centonovantaquattro

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù

i discutibili

perpetual beta

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Born again

Om Gam Ganpataye Namo Namah

Blockmianotes's Blog

quello che leggo, quello che vedo, quello che sento

Un'altra Donna. L'impudenza dello sguardo.

"le immagini sono buone per confondere le idee, non per chiarirle"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: