Archivio | luglio, 2014

Un livido silenzio è sceso su Verona

29 Lug

Uso la frase che Shakespeare usò per commentare la triste storia di Romeo e Giulietta, per commentare un’altra triste storia avvenuta nella città scaligera negli ultimi tempi.

Il 23 luglio 2014 è stata approvata una mozione presentata da Zelger (il testo integrale lo trovate in fondo al post) che ricorda molto da vicino, per lo meno nelle premesse, quella presentata  a Trento di cui ho parlato da questo blog qualche mese fa. Devono aver fatto, ‘sti relatori qua che presentano mozioni sull’argomento omosessualità, mezza giornata di lezione dai Giuristi per la Vita perché usano tutti gli stessi riferimenti e le stesse mistificazioni. Purtroppo questa volta la mozione è stata approvata e per fortuna non proponeva quella cosa folle e indicibilmente crudele di togliere i figli alle coppie omosessuali, ma invita il comune a “vigilare” su cosa viene proposto come educazione alla sessualità e all’affettività nelle scuole. E perché? Ma perché potrebbe essere in contrasto con le convinzioni morali e religiose dei genitori. Continua a leggere

Mr Job. Un caso isolato?

15 Lug

In questi ultimi mesi è salito alla ribalta delle cronache il caso Mr Job, cooperativa di facchinaggio che opera, fra l’altro, all’interporto di Bologna.

Lo cito perchè nel momento in cui stavo cercando un altro lavoro, un paio di anni fa, (dato che dove ero era chiaro che le cose sarebbero andate sempre peggio, ma questa è un’altra storia), mi era stato suggerito di rivolgermi proprio alla Mr Job perchè era una delle poche cooperative che continuava a assumere in zona (Bologna e limitrofi). Magari per pochi mesi e c’è da farsi il mazzo, aggiungevano, ma intanto lavori.

Sì intanto lavori, perché il punto è tutto qua: intanto lavori poi come non ha importanza.

Uno dei prodotti più mirabolanti della crisi (e della retorica attorno alla crisi) è questo: poche pretese, ti adatti, rinunci a qualche garanzia, chiudi gli occhi e ingoi rabbia sotto forma di saliva perché ti sei lasciata scappare fra le dita la possibilità di dire “No, è un mio diritto” perché sai quanti ce ne sono fuori dalla porta disposti a lavorare a ogni condizione se tu fai la difficile?

E lo cito anche perché mi scuote più di indignazione una cooperativa che non una spa. Continua a leggere

Pascale e Feltri nuovi tesserati Arcigay. Tra strumentalizzazioni e assimilazione del dissenso

9 Lug

Ex UAGDC

28 Giugno 1969 i moti di Stonwall davano il via al movimento di liberazione omosessuale, 28 Giugno 2014 Vittorio Feltri e Francesca Pascale si iscrivono all’Arcigay.

Dalla rivoluzione, passando per i Pride – sempre meno riot e sempre più istituzionalizzati – fino alle destre che si impossessano delle politiche lgbt.

Chiamiamola campagna elettorale, chiamiamola pinkwashing – l’immagine dell’ex premier Berlusconi ha bisogno di essere ripulita – chiamiamola assimilazione del dissenso, chiamiamola come ci pare ma questa svolta gayfriendly di persone legate a un partito, a un uomo, a un giornale, omofobi e transofobi, è probabilmente il risultato della centralità data ai discorsi e ai linguaggi familistici nelle rivendicazioni lgbt degli ultimi anni.

Le grandi multinazionali hanno modificato ultimamente la loro comunicazione avendo individuato negli omosessuali un nuovo grande bacino d’utenza, il loro marketing diventa “sociale” e “progressista”, inserendo però sempre i gay e le lesbiche in un…

View original post 596 altre parole

Il Desiderio di essere come tutti (anche dell’Especialista de barcelona), in particolare dei Reietti dell’altro pianeta.

1 Lug

Da qualche tempo rimugino di scrivere del libro di Piccolo, non tanto per farne una recensione, ma per una riflessione che mi ha fatto fare, la cui banalità mi ha lasciato tanto più di stucco, quanto meno a quella banalità avevo pensato prima.

Come quando hai la matita infilata dietro l’orecchio e metti sotto sopra casa per trovarla. Si perché al di là dei meriti del libro (e ne ha almeno un paio per me che in quegli anni o non ero nata o mi esprimevo a gesti e grugniti), il punto è questo: non mi ero mai soffermata a pensare a quello che Piccolo chiama il pensiero confermativo e che descrive così: “corrisponde con esattezza a ciò che sta accadendo con la navigazione in rete: mentre ci muoviamo, seminiamo una scia di segnali che poi la rete ripropone per somiglianza. Si chiamano ‘sistemi di raccomandazione’, sono presenti in quasi tutti i siti e social network, e si occupano di analizzare le nostre scelte per poi riproporcene di simili. Più si naviga, più si restringe il campo della diversità – più le proposte sono soddisfacenti ( ‘chi ha letto questo libro ha letto anche…’), più sono limitate. E’ come se, vivendo, eliminassimo sempre più la possibilità di incontrare qualcosa che non ci piace – che non ci soddisfa; ma allo stesso tempo eliminiamo tutto ciò che ci potrebbe sorprendere (…) di conseguenza il campo dei nostri desideri, mentre viene soddisfatto di continuo, si restringe; di conseguenza, ci sembrerà  che nel mondo c’è soltanto gente che la pensa come noi”. Continua a leggere

Suprasaturalanx

Noci, miele, ricotta e molto altro!

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Fuoridallarete

Since 1990

nessun armadio

coming out of the closet, coming into your life!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

menteminima

Vorrei poterne ridere.

iononsonosbagliata

"there's never been a better time than this"

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Biblioteca Lesbica

Per la diffusione della letteratura lesbica in Italia

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Slumberland

"Little Nemo had just fallen asleep when an Oomp appeared who said, "You are requested to appear before his majesty, Morpheus of Slumberland."

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

giorgeliot

silly novels by lady novelists

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Giovane Carina e Disoccupata

Blog sulla vita ai tempi della Disoccupazione

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Smile Revolutioner

Living life like it's just one (!!!)

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Triskel182

La libertà è il diritto dell'anima di respirare.

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

fiabeatroci

Fiabe Atroci - Blog contrario all'attualità e favorevole alla realtà

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

giramenti

libri e tiro dinamico

Womenoclock

WoMenoclock! About women, About men, for everybody. Wake up....and fight!

a Vuc's life

2016 - La vita

incroci de-generi

tra classe, razza, genere e specie

Un disinvolto mondo di criminali

Ci volete schiavi, ci avrete ribelli.

lafilosofiAmaschiA

filosofia d'altro genere per la scuola

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

#Centonovantaquattro

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù

i discutibili

perpetual beta

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Born again

Om Gam Ganpataye Namo Namah

Blockmianotes's Blog

quello che leggo, quello che vedo, quello che sento