Sobriamente, 17 maggio.

16 Mag

Il 17 maggio è la giornata mondiale contro l’omofobia e, come tutte le ricorrenze di questo tipo, suscita emozioni contrastanti e reazioni a volte scomposte. Ma perché una giornata internazionale contro l’omofobia? C’è ancora bisogno nel 2017 di una cosa del genereeee? Naaaaaa, è che per noi ogni scusa è buona per fare festa. Anzi di più: mentre gozzovigliamo a un party, già pensiamo a quello successivo. Il 3 Giugno, ad esempio, se avete degli impegni cancellateli perché a Reggio Emilia c’è questa cosa qui (vorrei poter dire che è uno scherzo, ma non lo è):

FB_IMG_1494785104251

Intendiamoci, al pomeriggio c’è il pride, quello istituzionale, quello fru fru tutto colori e pajette e chiappe al vento, come si suole signorilmente raffigurarlo, ma al mattino, se siete tipi tosti, c’è appunto questa cosa per uomini infisicati dai muscoli tesi che si prendono a scudisciate. Mi raccomando il dress code: in mutande o hot pants, pareo e canotta. De gustibus eh?, per carità, se uno si sente a suo agio così, prego.

Frattanto anche quest’anno a Ferrara, il Comune ha deciso di esporre la propria posizione in relazione al 17 maggio:

FB_IMG_1494917711164

En passant vorrei dire che questo non è che l’effetto visibile di un percorso durato anni e che ha visto l’associazionismo lgbt locale discutere e confrontarsi con le istituzioni e mettere in atto una importante serie di azione positive che ha coinvolto e coinvolge la sanità, le scuole e l’amministrazione. Ciò a dire che non è piovuto dal cielo, ma sottintende un lungo lavoro.

Su facebook ne circola un’altra versione che è questa:

FB_IMG_1494916690084

Non me ne voglia Andrea Rossi, esponente Udc di Ferrara dal cui profilo ho preso l’immagine: io ormai gli voglio anche bene dopo anni in cui non ha perso un’occasione per entrare a gamba tesa in tutte le questioni riguardanti il non conforme, secondo lui, orientamento sessuale e sentimentale delle persone… non so, mi pare come se fosse di famiglia… Comunque per chi non lo conoscesse è uno che, fra le altre carinerie di cui è capace, auspicava che l’Isis iniziasse con il museo lgbt di Berlino (non so esattamente iniziare cosa, ma dato che l’Isis non è propriamente una cooperativa di facchini deduco che non intendesse “a traslocare”). Vabbè lui è fatto così, e dati i toni che usa abitualmente, questa foto che ha condiviso (pur non avendola ideata) è una delle cose più simpatiche che gli ho visto fare. Naturalmente, giusto per fare della psicologia da due spicci, non è un caso che omofobia e misoginia vadano a braccetto, e così i buontemponi suoi amici si sono scordati che esistono anche le lesbiche (ma hanno una illustre predecessora nella regina Vittoria,  che quando fu ora di introdurre pene corporali per il reato di sodomia e le fecero notare che stessi provvedimenti non erano stati adottati per le donne rispose che non ce ne era bisogno perché, appunto, non esisteva niente di simile, nella realtà, a due donne che si rotolano fra le lenzuola, ma che stiamo scherzando?? Pervertiti!!).

Ecco, vorrei timidamente far notare che in quello striscione siamo incluse anche noi donne a cui

FB_IMG_1491588961837

e dunque non ci resta che ringraziare lui e i suoi amici per averlo ribadito con tanta forza. Unico appunto: a noi ci piace sì, ma sobriamente, e dunque mai e poi mai avremmo avuto l’ardire di pensare uno striscione del genere appeso al volto del cavallo, niente meno, proprio in piazza… Signori, che audacia! C’é di ché diventare rosse. Un po’ di contegno, che diamine!

Da ultimo apprendo che il comune di Milano nega il patrocinio al pride. Capirai, nessuna meraviglia se penso che ha stanziato 30 mila euro per istituire un centralino telefonico anti gender, che non so nemmeno come spiegarvelo che ca**o è. Diciamo che è un numero che puoi fare se tuo figlio viene a casa da scuola in queste condizioni qui:

gender-meme-aspirapolvere

Ecco, una cosa del genere, anzi del gender!

N.B: Se siete di Ferrara, passate in Ripagrande domani che facciamo festa, senza frustate promesso!, e sappiate che non serve essere né L(esbica), né B(isessuale), né  G(ay), né T(ransessuale). Passate e basta che il buon umore, ma soprattutto l’apertura mentale non hanno orientamento. A noi ci piacete, sobriamente, tutt*!

Annunci

5 Risposte to “Sobriamente, 17 maggio.”

  1. wwayne maggio 17, 2017 a 3:02 pm #

    Mi hai fatto tornare in mente uno splendido film che ho visto di recente, e che rifletteva proprio sulla stupidità dei pregiudizi. Il film è questo: https://wwayne.wordpress.com/2017/03/19/ci-sposeremo-te-lo-prometto/. L’hai visto?

    • michela poser maggio 17, 2017 a 3:33 pm #

      Ciao wwayne, no non l’ho visto, ma lo farò.

      • wwayne maggio 17, 2017 a 3:49 pm #

        Se ti va, poi fammi sapere come l’hai trovato. Se invece non dovessi più sentirti, per me avertelo fatto scoprire è già una grande soddisfazione. Grazie per la risposta! 🙂

  2. andrearossi1967 maggio 21, 2017 a 8:37 am #

    Buondí. Intanto iniziare la domenica mattina affaticandomi con la registrazione su wordpress (unica possibilitá per rispondere) quando ho due registrazioni per i blog di blogspot, non mette di buon umore. Detto questo partiamo dalla fine: evidentemente l’ironia e il sense of humour di cui vi fate vanto quando prendete per i fondelli il sacro, vi infastidisce quando si tratta di voi e della vostra autorappresentazione. Fra di voi ridete, ridete delle tradizioni altrui, ma vi viene il riscaldo se vi si prende per il culo (e scusa l’uso del vocabolo). Replicare col coretto (eeee ma a noi lesbiche piace la gnoccaaa eeee questo non sa nemmeno che metá del cielo gaiii è lesbicaaaa) mi fa capire che evidentemente ci vogliono i sottotitoli pure per quel che si scrive. E siccome l’ho scritto io (non copiato: fatto da me, senza grosso sforzo d’inventiva) la spiegazione di quello che mi sembra self evident è: tu metti un gonfalone rosa quattro metri per quattro per sbomballarmi su un problema inesistente? E io ci scrivo sopra “w la gnocca” perchè sono maschio. Fossi donna ci avrei scritto “w il pipino”. Ma sono uomo, ahivoi, anche se il normale refrain per spiegare come mai ancora ci sia qualcuno che contrasta il carnevale gayfriendly è che “rossi non ha ancora accettato la sua omosessualitá latente”. Purtroppo o per fortuna preferisco le donne. Volete l’osservanza dei vostri riti? Bene. Io nego il rispetto di quella osservanza. Volete l’inchino di fronte alla vostra rappresentazione della realtá, io quella rappresentazione la nego. Anzi: dovreste iniziare a rendervi conto della bulimia nei media e nella societá civile della vostra minoranza. Talmente minoranza da essere elíte e come tutte le elíte, siete tendenzialmente autoreferenziali, tanto da non rendervi conto che vi viene dato il contentino, lo striscione, le presenze vipsz nei pride, proprio a causa del fatto che siete di moda, e se vi si dice ” no grazie” si rischia l’impallinamento politico e sociale. Ma quattro gatti siete e quattro rimanete, e non siete in condizioni di dare lezioncine morali a nessuno. A me no certamente. Ah: l’udc non esiste piú da anni. Non sono esponente di nulla. Lo sono di me stesso. Sempre con nome e cognome. La prossima volta fammi fare meno fatica e documentati meglio su chi vuoi mettere nel mirino. Saluti.

    • michela poser maggio 21, 2017 a 10:06 am #

      Buongiorno signor Rossi. La facevo più ironico, sa? Be’ pazienza. Rettifico allora: esponente di nulla, al presente, se non di se stesso. Nel merito delle sue osservazioni non ci entro nemmeno, abbiamo avuto parecchie occasioni di “scontrarci” sulle pagine di estense.com. Purtroppo, come ha ben notato lei, per poter replicare qui è necessaria la registrazione, per cui ho la vaga impressione che le repliche finiranno qui. Buona domenica. Le voglio bene, Michela.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Suprasaturalanx

Noci, miele, ricotta e molto altro!

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Fuoridallarete

Since 1990

nessun armadio

coming out of the closet, coming into your life!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

menteminima

Vorrei poterne ridere.

iononsonosbagliata

"there's never been a better time than this"

(Carne da macello)

Just another WordPress.com site, so what?

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Biblioteca Lesbica

Per la diffusione della letteratura lesbica in Italia

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

giorgeliot

silly novels by lady novelists

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Giovane Carina e Disoccupata

Blog sulla vita ai tempi della Disoccupazione

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Smile Revolutioner

Living life like it's just one (!!!)

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Triskel182

La libertà è il diritto dell'anima di respirare.

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

fiabeatroci

Fiabe Atroci - Blog contrario all'attualità e favorevole alla realtà

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

giramenti

libri e tiro dinamico

Womenoclock

WoMenoclock! About women, About men, for everybody. Wake up....and fight!

a Vuc's life

2016 - La vita

incroci de-generi

tra classe, razza, genere e specie

Un disinvolto mondo di criminali

Ci volete schiavi, ci avrete ribelli.

lafilosofiAmaschiA

filosofia d'altro genere per la scuola

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

#Centonovantaquattro

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù

i discutibili

perpetual beta

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Born again

Om Gam Ganpataye Namo Namah

Blockmianotes's Blog

quello che leggo, quello che vedo, quello che sento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: