Tag Archives: gender

Trova le differenze

22 Dic

 

Le “prime volte” sono quelle che danno, nel bene nel male, il senso e la misura di un’esistenza che si muove e sperimenta. Ogni anno, a voler dividere il tempo in anni, ci sono delle cose che si pensano, si sentono, si fanno per la prima volta. La prima volta più significativa del mio 2017, ad esempio, è stato il coming out come aspirante scribacchina, e non è stato poco. In questo post voglio prendermi in anticipo su una prima volta del 2018: sarà la prima volta che non rinnoverò la tessera Arcilesbica (e ce l’ho davvero da tanti anni). Temo sarà un post lungo e un po’ ondivago, abbiate pazienza, di sicuro sarà l’ultimo del 2017.

Questo Dicembre ho iniziato a leggere un libro che ho con me, senza averlo mai sfogliato, da non so nemmeno più quanto. Sono quattro saggi della De Lauretis raccolti in una edizione Feltrinelli del 1999, bella copertina rossa e ruvida, e l’evocativo titolo “Soggetti Eccentrici”. Ne leggo un paio di pagine, quando va bene, alla mattina prima di andare al lavoro. Alcuni passaggi li devo leggere e rileggere perché subito non ne comprendo il significato, e del tutto non lo comprendo nemmeno dopo, e così mi rendo conto una volta in più di quante cose ignoro, di quante elaborazioni mi sfuggono, di quanti libri non ho letto, di quante teorie non padroneggio; ma la vita è una e tutto dentro non ci sta, specie se la maggior parte della tua giornata è impegnata in tutt’altro rispetto allo studio del femminismo e dei gender studies. Continua a leggere

Annunci

Sobriamente, 17 maggio.

16 Mag

Il 17 maggio è la giornata mondiale contro l’omofobia e, come tutte le ricorrenze di questo tipo, suscita emozioni contrastanti e reazioni a volte scomposte. Ma perché una giornata internazionale contro l’omofobia? C’è ancora bisogno nel 2017 di una cosa del genereeee? Naaaaaa, è che per noi ogni scusa è buona per fare festa. Anzi di più: mentre gozzovigliamo a un party, già pensiamo a quello successivo. Il 3 Giugno, ad esempio, se avete degli impegni cancellateli perché a Reggio Emilia c’è questa cosa qui (vorrei poter dire che è uno scherzo, ma non lo è): Continua a leggere

Degli inconvenienti del gioco del pallone e dell’uso dei bagni pubblici pur portando gli orecchini

10 Apr

Un giorno mia madre mi spedì a prendere un pacco di pasta al negozio italiano (eravamo infatti in Germani a fare gelati), il quale sarebbe stato piuttosto lontano se giudicato coi parametri dei miei sette anni di allora, se non fosse che io non ero più una semplice bambina a piedi, ma ero da poco diventata una tecnologica bambina coi pattini, e questo cambiava notevolmente le mie idee riguardo le distanze. Condizione per l’uso dei suddetti era che indossassi i pantaloni corti poiché mia madre era stufa di mettere toppe all’altezza delle ginocchia in quelli lunghi e in definitiva giudicava più pratico – che i veneti questo sono: pratici – che io me le sbucciassi ché tanto, diceva, le ginocchia guariscono senza bisogno di ago e filo. Ancora meglio per la verità, diceva, sarebbe stato che mi mettessi una di quelle larghe e ampie gonne che languivano nell’armadio, così oltre che comoda sarei stata anche fresca. Sotto le gonne passa l’aria, sotto i pantaloni no, diceva lei ammiccando mammescamente. Continua a leggere

Adotta una bigotta (ma anche un bigotto va bene uguale)

28 Feb

Vi invito a prendere visione di questo bel manifesto, perchè in calce potete trovare la lista da cui attingere il/la vostr* bigott*. Si potrebbe fare così: chiedere a un/una qualsiasi di loro se una volta alla settimana sono dispost* a confrontarsi con un/una laic*. Diciamo che ne dubito poiché ho già potuto notare come i/le Moralist* non amino essere contraddetti, ma si può tentare.

Riporto il passaggio che ritengo più significativo:

‘E invece, significa qualcosa che oggi l’Europa non ha quasi altra fede e  speranza se non nei cosiddetti “nuovi diritti”? Non c’è caso di relazioni con  altri popoli – ad esempio con paesi dell’Est che chiedono di associarsi  all’Unione Europea o paesi del terzo mondo che bussano all’Europa per gli aiuti  umanitari – in cui diplomazie e Ong europee non si presentino al tavolo  negoziale con la premessa che partnership e aiuti sono “condizionati” all’adozione, da parte degli interlocutori, di questa agenda di “nuovi diritti”. Quali? A quale “fede” e quale “speranza” alludono questi “diritti”?

La fede e la speranza nella diffusione a livello di massa dell’aborto e dei  preservativi come “diritti riproduttivi”. Fede e speranza nel matrimonio e nelle  adozioni gay come “diritti umani”. Fede e speranza nella “buona morte” e  nell’eugenetica come “diritti individuali”. Fede e speranza nel muto avanzare di  generati da A e B, madri e padri surrogati, i cui nomi non si dovranno mai  pronunciare, figli di “donatori biologici”, ragazzi che a un certo punto della  loro vita scopriranno l’assenza di volto umano nella propria storia. Fede e  speranza nella cosiddetta “teoria del gender”, nell’indistinto piuttosto che  nell’evidente, nel neutro piuttosto che nel reale, nella negazione della  differenza sessuale, degli ascendenti e dei discendenti, del maschio e della  femmina, della madre e del padre. Fede e speranza nella grande illusione secondo  cui l’uomo è padrone del suo destino’

Si insomma è un lavoro duro quello dei laici, ma qualcuno lo dovrà pur fare!

Sunday mood

·Don't look back. You are not going that way·

AnimALiena

Fuori luogo in ogni dove

La mia madeleine

Una storia d'amore

ius20pg

da Perugia su diritto e società

wwayne

Just another WordPress.com site

Suprasaturalanx

Noci, miele, ricotta e molto altro!

Fuoridallarete

Since 1990

nessun armadio

coming out of the closet, coming into your life!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

menteminima

Vorrei poterne ridere.

iononsonosbagliata

"there's never been a better time than this"

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Slumberland

"Little Nemo had just fallen asleep when an Oomp appeared who said, "You are requested to appear before his majesty, Morpheus of Slumberland."

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

giorgeliot

silly novels by lady novelists

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Smile Revolutioner

Living life like it's just one

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Triskel182

La libertà è il diritto dell'anima di respirare.

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

fiabeatroci

Fiabe Atroci - Blog contrario all'attualità e favorevole alla realtà

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

giramenti

libri e tiro dinamico

Womenoclock

WoMenoclock! About women, About men, for everybody. Wake up....and fight!

incroci de-generi

tra classe, razza, genere e specie

Un disinvolto mondo di criminali

Ci volete schiavi, ci avrete ribelli.

lafilosofiAmaschiA

filosofia d'altro genere per la scuola

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

i discutibili

perpetual beta

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Born again

Om Gam Ganpataye Namo Namah

Blockmianotes's Blog

quello che leggo, quello che vedo, quello che sento