Proud to be Pride.

13 Giu

Credo che siano passati ormai quasi quindici anni. Aiutai un gruppo di donne a organizzare un convegno e loro per ricompensarmi mi fecero andare tre giorni a Prato a partecipare a un laboratorio interculturale. E’ stata una delle forme di pagamento migliori che io abbia mai ricevuto, non solo perché ricordo molto bene alcune delle cose che lì ho vissuto, e il loro significato preciso e profondo, ma anche perché fu una esperienza di vera condivisione fra estranee, che poi estranee non furono più.

C’erano studiose, professoresse universitarie, letterate, storiche. Gente che sapeva dire bene le cose che pensava (il segreto è tutto qui: usare le parole giuste nelle giuste frasi e nelle giusta sequenza nell’esprimere ciò che si pensa). Una di loro in un suo intevento ci invitò, noi che eravano così giovani, a riflettere sull’identità, ovvero ci disse che poteva essere smontata, decostruita, abbandonata. Ci pensai su per tutto il giorno, come un pensiero non del tutto cosciente e a ridotto tasso di concentrazione; un pensiero che sai che c’è e che si sta facendo i suoi giri dentro e fuori le tue esperienze passate, dentro e fuori le tue convinzioni, dentro e fuori la tua emotività. Come quando lanci un anti virus e lo lasci lavorare. Perché sapevo che aveva ragione, con l’intelletto ci arrivavo, ma qualcosa mi impediva di aderirci anche col resto.

La sera a tavola, il pensiero macinato durante il giorno giunse a maturazione e dissi alle mie commensali che per loro, le docenti, era facile predicare la decostruzione dell’identità. Loro ci riuscivano, se ci riuscivano, dopo averne avuta una bella solida. Nel clima culturale degli anni ’70 con un certo femminismo che aveva il vento in vela, scegliere da che parte stare, con tutta probabilità determinava anche chi eri, o almeno alcuni tratti di una identità te li offriva. E se ci aderivi ti ci costruivi intorno.

L’identità è un appiglio forte nella costruzione di chi vogliamo essere e, soprattutto quando non hai accumulato sulle spalle l’esperienza che da quell’identità deriva, non ci rinunci tanto facilmente. Semplicemente puoi non essere pronto a vedere cosa c’è oltre una struttura che hai lungamente creduto inviolabile. Per me ora, ad esempio, non ha più tutta questa importanza definirmi in base all’orientamento sentimentale e sessuale, ma per molti anni l’ho fatto, eccome! Mi individuavo e collocavo all’interno di una precisa sub-cultura (sub perché eccentica rispetto a quella dominante) lesbica. Ma adesso non è più così. Perché definirmi in base a un solo parametro mi sembra limitante. Ma quando ero giovane mi sembrava una cosa enorme, qualcosa che diceva tutto quello che c’era da dire.

Tutto questo che vi sto raccontando ha origine dalle polemiche interne sul pride e sul come dovrebbe essere. Ad alcuni pare che il pride non abbia più molto senso perché la maggior parte delle rivendicazioni del movimento sono state, se pur tardivamente, accolte con la legge Cirinnà. Ma è solo un momento di quiete dopo la tempesta, io credo. Nei paesi in cui le leggi ci sono da molto tempo, i pride continuano a esserci e in alcuni casi sono oceanici.

Altr* si appellano alla sobrietà. Vecchissima critica mossa da ogni dove, ogni anno. Alcuni comuni concedono il patrocinio a patto che la sfilata sia sobria, ad esempio, ed è una richiesta alla quale, secondo me, non dovremmo sottostare. Perché accettarla vuol dire in sostanza avvallare il pensiero di chi crede che il pride sia un porcaio animalesco. Ma così non è: c’è chi confonde la nudità di qualcuno con la pornografia di tutt*. In secondo luogo: pride rappresenta anche altro rispetto alle richieste formali di una equiparazione di legge fra i/le cittadin* a prescindere dal loro orientamento. E’ il momento di visibilità della rottura del convenzionale. E’ il momento pubblico, non ignorabile, di punti di vista alternativi a una concezione mainstream del vivere. Ma si dice: mica vai in giro con le tette al vento normalmente. Oppure: mica vai in giro in tanga normalmente. Certo che no, ma è il contesto a dare significato al gesto. Può darsi che chi lo fa abbia ancora bisogno di esprimere in maniera forte, per alcuni esagerata, quell’appartenenza a una identità altra che fanno fatica a esprimere negli altri 364 giorni, e che sia per loro un gesto di autentica liberazione. Opinabile, ma non censurabile. Un po’ come me durante quel famoso laboratorio di Prato di cui parlavo all’inizio: lì a rinunciare alla mia identità c’ho provato e mi ci sono pure divertita, ma tornata a casa me la sono ripresa con tutte le scarpe. E chissà forse a vent’anni, se non avessi avuto un venetissimo senso del decoro e del pudore quasi beghino, qualche in-sobrietà l’avrei fatta pure io. Di sicuro c’ho pensato e fantasticato.  Di sicuro so di aver sentito una certa smania addosso, ad esempio, a Roma nel 2000, quando di anni ne avevo 22 e mai mi era capitato di stare dentro una fiumana di un milione di persone, arrivate nella capitale per il Word Pride. La smania che viene a stare dentro a una corrente di energia fortissima, che ti caveresti anche la pelle per sentirla meglio.

A me poi pare anche sospetto che si dica adesso con maggiore convinzione che in passato che occorre sobrietà. Come se l’aver ottenuto il riconoscimento dei diritti civili ci avesse reso un po’ più “normali” e quindi si senta il bisogno di “normalizzare” anche il pride.

Come scriveva Sandro Penna: Felice chi è diverso essendo egli diverso, ma guai a chi è diverso essendo egli comune”

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Suprasaturalanx

Noci, miele, ricotta e molto altro!

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Fuoridallarete

Since 1990

nessun armadio

coming out of the closet, coming into your life!

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

menteminima

Vorrei poterne ridere.

iononsonosbagliata

"there's never been a better time than this"

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Biblioteca Lesbica

Per la diffusione della letteratura lesbica in Italia

Prismi - Pensieri filosofici

Il sito di chi vuole pensare

Slumberland

"Little Nemo had just fallen asleep when an Oomp appeared who said, "You are requested to appear before his majesty, Morpheus of Slumberland."

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

giorgeliot

silly novels by lady novelists

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Giovane Carina e Disoccupata

Blog sulla vita ai tempi della Disoccupazione

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Smile Revolutioner

Living life like it's just one (!!!)

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Triskel182

La libertà è il diritto dell'anima di respirare.

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

fiabeatroci

Fiabe Atroci - Blog contrario all'attualità e favorevole alla realtà

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

giramenti

libri e tiro dinamico

Womenoclock

WoMenoclock! About women, About men, for everybody. Wake up....and fight!

a Vuc's life

2016 - La vita

incroci de-generi

tra classe, razza, genere e specie

Un disinvolto mondo di criminali

Ci volete schiavi, ci avrete ribelli.

lafilosofiAmaschiA

filosofia d'altro genere per la scuola

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

#Centonovantaquattro

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù

i discutibili

perpetual beta

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

Born again

Om Gam Ganpataye Namo Namah

Blockmianotes's Blog

quello che leggo, quello che vedo, quello che sento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: